Inserzioni | Contattaci  

Home

Luoghi

Manifestazioni

Mangiare e Dormire

Attività Commerciali

Alimentari

Tutto Casa

Salute e Bellezza

Tempo Libero

Su Civargiu

Preparare il pane era il lavoro più impegnativo(per la massaia) e richiedeva una serie di trattamenti prima che il grano potesse essere trasformato in prodotto finito. Prima veniva lavato in "sa banniera de ferru" (bacinella), poi fatto scolare in "su cadinu" (cesto fatto di canne), fatto asciugare al sole su teli di sacco e "prugau" (ripulito) dai corpi estranei quali orzo, avena, sassolini ecc. Seguiva la macinazione che veniva fatta prima con "sa mola" costituita da due pietre pesanti (generalmente di roccia vulcanica) circolari sovrapposte e fatta girare da un asino e in tempi più recenti con un mulino ad acqua che si trova nella zona vecchia del paese. Veniva quindi separata con "su sedassu" (il setaccio) la farina dalla crusca; quest'ultima veniva utilizzata come mangime per il maiale e le galline. A questo punto la donna poteva fare il pane. La notte precedente prendeva "su framentu" consistente in un pezzo di pasta conservato dalla panificazione precedente, che fungeva da lievito, mescolato con l'acqua alla farina. Il giorno dopo di buon'ora, scaldava l'acqua, alla quale aveva aggiunto del sale, "cummossada"(mischiava) l'impasto del giorno precedente e lo "suexiada" (lavorava) finché la pasta non diventava liscia e friabile. Quindi la divideva in parti, modellava queste con le mani per assumere una forma tondeggiante e poi le riponeva in "su canisteddu" (cesto) ricoperto da "sa tialla de su pani" (tovaglia) e le lasciava "axedai" (lievitare) per due o tre ore. Nel frattempo accendeva il forno e raggiunta la temperatura giusta lo ripuliva dalla cenere e dalla brace e infornava la pasta già lievitata.

Condividi > 

CondividiOk NotizieMicrosoft LiveDeliciousDiggTwitterGoogle BookmarkRedditTechnoratiYahoo Bookmark
 
Vedi tutte le voci di questa categoria

 

Zoom

 

Zoom

 

Zoom

 

Zoom

 

Zoom

Lo sapevi che ...

Per dare più visibilità alla propria persona o alla propria azienda è di fondamentale importanza avere un sito internet che permetta di essere conosciuti in tutto il mondo con un click. Molte volte si sottovaluta l'importanza di avere un sito web realizzato con professionalità e soprattutto con degli obiettivi precisi. Gran parte dei siti internet attualmente presenti in rete non soddisfano ...

Il carro a buoi è composto fondamentalmente da sa scala o telaio, ottenuta da un tronco di leccio sufficientemente lungo in modo da poter essere tagliato a cinque metri. Su maistu de carrus, il mastro carraio, se lo andava a cercare in foresta, magari dietro indicazione di qualche capraio il quale, com'è noto, viveva a diretto contato con il bosco. Ovviamente l'albero doveva essere tagliato ...

La Macina era composta da due pietre molitorie in pietra vulcanica da un imbuto in legno e da da un contenitore-supporto in legno o pietra. Il grano veniva messo nell'imbuto che era collegato alle pietre molitorie e veniva macinato dalla rotazione della pietra superiore per mezzo della forza di un asinello. La farina scendeva nel contenitore-supporto da cui veniva presa dalle massaie. ...

Copyright 2006-2017  web-master: Ing Luca Lobina