Inserzioni | Contattaci  

Home

Luoghi

Manifestazioni

Mangiare e Dormire

Attività Commerciali

Alimentari

Tutto Casa

Salute e Bellezza

Tempo Libero

Angoli di Sardegna

  
Archeologia (Barisardo)
Il territorio di Barisardo è ricco di monumenti di epoca nuragica, come le interessanti domus de janas del complesso ipogeico di Funtana Su Rettore, diversi menhirs e i resti di alcuni nuraghi.   leggi tutto...
Archeologia (Cardedu)
A Cardedu è possibile visitare il complesso archeologico di Monte Arista, situato nell’omonima località e immerso in una fitta vegetazione di lecci e macchia mediterranea. La necropoli si compone di dieci Domus de Janas mono e bicellulari scavate nella roccia granitica. Molto interessante anche “Su   leggi tutto...
Archeologia (Jerzu)
Il territorio di Jerzu è ricco di interessanti testimonianze nuragiche. Oltre a numerose domus de janas in località Su Senixi, nel territorio si può vedere il nuraghe Sa Domu ‘e s’Orcu, situato in una collina poco distante da Jerzu, alcuni nuraghi e i resti di un villaggio punico di Monte Corongiu.   leggi tutto...
Archeologia (Perdasdefogu)
Il territorio di Perdasdefogu è particolarmente ricco di monumenti nuragici. Innanzitutto il nuraghe S. Pietro, situato nell’omonima località e caratterizzato da una grande torre di pianta edificata con blocchi calcarei e lastre di scisto poste a filari irregolari. A breve distanza si può vedere   leggi tutto...
Archeologia (Talana)
Il territorio di Talana è ricco di importanti testimonianze storiche. Oltre a numerosi villaggi nuragici, si possono vedere alcune tombe di giganti in località Serra Erdomos, i menhir di Is Cannas e le domus de janas di Silaccacaro.   leggi tutto...
Archeologia (Tertenia)
Il territorio di Tertenia è particolarmente ricco di interessanti testimonianze archeologiche. Oltre ai nuraghi Aleri e Nastasi, è possibile visitare alcune domus de janas e il pozzo sacro di “Sa Brecca”.   leggi tutto...
Archeologia (Ussassai)
Il Territorio di Ussassai è particolarmente ricco di testimonianze archeologiche, tra cui spiccano le domus de janas di Forrus, Ogia, Perdobia e Urraci, e le tombe di giganti in località Taccu Addai.   leggi tutto...
Monte Idolo (Arzana)
Il Monte Idolo è l’imponente montagna, alta 1240 metri, alle cui pendici è dolcemente adagiato il paese di Arzana. Ricco di splendidi boschi e rigogliose pinete che assicurano un'aria salubre e purissima, sulla sua cima è possibile ammirare una bella statua di S. Michele Arcangelo.   leggi tutto...
Il Golgo (Baunei)
Il Golgo è un famoso e particolarissimo altopiano basaltico, circondato da suggestivi bastioni calcarei e ricoperto da una folta vegetazione. Situato poco distante da Baunei, è raggiungibile percorrendo la tortuosa strada asfaltata che parte dal centro abitato. Sull’altopiano di Golgo è possibile   leggi tutto...
Olivastro Millenario (Baunei)
Meraviglioso e millenario olivastro, vero e proprio monumento naturale botanico, posto nella piazza davanti alla chiesa della Beata Vergine Assunta, nella frazione di S. Maria Navarrese. La sua lussureggiante chioma raggiunge gli oltre nove metri d’altezza mentre la circonferenza del massiccio   leggi tutto...
 

1 2 3 4 5 6 

 

  Pagina 1 di 21 Pagine Totali  

Pagina Successiva

Lo sapevi che ...

Per dare più visibilità alla propria persona o alla propria azienda è di fondamentale importanza avere un sito internet che permetta di essere conosciuti in tutto il mondo con un click. Molte volte si sottovaluta l'importanza di avere un sito web realizzato con professionalità e soprattutto con degli obiettivi precisi. Gran parte dei siti internet attualmente presenti in rete non soddisfano ...

Il carro a buoi è composto fondamentalmente da sa scala o telaio, ottenuta da un tronco di leccio sufficientemente lungo in modo da poter essere tagliato a cinque metri. Su maistu de carrus, il mastro carraio, se lo andava a cercare in foresta, magari dietro indicazione di qualche capraio il quale, com'è noto, viveva a diretto contato con il bosco. Ovviamente l'albero doveva essere tagliato ...

La Macina era composta da due pietre molitorie in pietra vulcanica da un imbuto in legno e da da un contenitore-supporto in legno o pietra. Il grano veniva messo nell'imbuto che era collegato alle pietre molitorie e veniva macinato dalla rotazione della pietra superiore per mezzo della forza di un asinello. La farina scendeva nel contenitore-supporto da cui veniva presa dalle massaie. ...

Copyright 2006-2017  web-master: Ing Luca Lobina